Crostini di polenta al sugo rosso senza pomodoro

LOVE
2
Cosa ci metto?

1 carota
2 cipolle medie
1 barbabietola (in scatola, già cotta)
2 cucchiai di olio evo di Puglia
2 cucchiaini di acidulato di umeboshi
3 g. di sale integrale di mothia 
origano secco di Sicilia


0g 15h 0m


Come lo cucino?

 

Taglia grossolanamente le verdure. Metti a bollire carota e cipolle. Quando la carota é morbida, scola circa la metá dell'acqua e aggiungi la barbabietola. 

Frulla il tutto con un frullatore ad immersione( minipimer), fino ad ottenere un composto morbido e senza grumi.

Aggiungi sale, origano, olio di oliva e acidulato di umeboshi, per raggiungere la giusta acidità e sapidità del sugo. Presenta il sugo decorandolo con foglie fresche di origano.

Per i crostini di polenta, fai cuocere della buona polenta di mais (o di grano saraceno e mais). Quando è pronta, falla rapprendere in un contenitore, magari rettangolare.

Lasciala raffreddare e poi affettala a cubetti (o striscioline), ripassali in padella con poco olio e...voilà, ecco dei  crostini glutenfree e gustosamente sani adatti a tutti...soprattutto per accompagnare un sugo speciale!

Curiosità

Questo è un sugo dal colore rosso che riscalda e riempie il palato. La base é di carote e cipolle ma senza l'utilizzo del pomodoro, tipico frutto estivo. Per ottenere un bel colore rosso abbiamo usato una radice: la barbabietola.

Si ottiene cosí un condimento piacevolmente colorato che si può modulare a piacere, da un rosso-arancio intenso, fino ad un rosso-tarocco di Sicilia. Un sapore ricco di gusto e di vitamine e sali minerali. Ideale per condire la pasta, o il riso integrale,  oppure da servire con gustose bruschette di pane nero per brunch o merende.

Di derivazione macrobiotica per diminuire le solanacee, abbiamo rivisitato questo sugo rendendolo più mediterraneo, creando un soffritto di carote, sedano e cipolle e aggiungendoci dell'origano siciliano secco e del buon olio evo della Puglia.

Per aiutarci a ricordare l'acidulo del pomodoro abbiamo usato un prodotto tipico giapponese, ovvero l'acidulato di umeboshi: un ottimo ingrediente per aiutare la digestione.

Una vera ricetta fusion tra Oriente e Mediterraneo come é nel nostro stile. Ma chi preferisce solo il prodotto italiano, può usare del succo di limone!


Tutte le mancinità di questa ricetta
Al momento non sono presenti declinazioni
Paolo e Gaia de La Cucina Verde
Paolo e Gaia de La Cucina Verde
chef
Siamo una coppia nel lavoro e nella vita, composta da uno Chef Alimentarista e una Terapista Alimentare. Ci occupiamo di cucina naturale e creativa e alimentazione consapevole. Abbiamo ...vai alla scheda
Lorenza Dadduzio
Lorenza Dadduzio
foodographer
Piccola piccola. Diresti quasi smiltza. Ma con occhi grandi e mani curiose che scorrono e attraversano la superficie del mondo, desiderose di assaporare e trasformare ogni cosa in bellezza ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto