Frise reloaded

LOVE
0
Cosa ci metto?
  • 500 g di farina senza glutine (mix di farina di mais, amido di mais, farina di riso, farina di soia) oppure
  • 400 g di farina senza glutine e 100 g di farina di grano saraceno
  • 30 ml di olio di oliva
  • 1 cubetto di lievito di birra gluten free
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 cucchiaini di sale
  • 300 ml di acqua tiepida

Per il condimento:

  • pomodorini
  • melanzana grigliata
  • pinoli
  • crema dolce di peperoncini
  • paté di olive nere
  • scamorza affumicata

1h 45m


Come lo cucino?

Setaccia la farina, disponila a fontana e versa all’interno l’olio. Sciogli il lievito in acqua tiepida addolcita con zucchero. Versa al centro della fontana e mescola bene con sale e acqua ottenendo un impasto di media consistenza. Lavoralo per 5-6 minuti e fallo lievitare in un ambiente tiepido. Forma dei rotolini spessi 3 cm e poi delle ciambelle. Fai lievitare per 10-15 minuti e cuoci in forno a 180 °C fino a doratura. Sforna, taglia a metà le ciambelle e rimettile in forno a biscottare per una decina di minuti.

La frisa è una base che si può condire nei modi più svariati: come da tradizione con pomodoro, olio, sale, origano e basilico fresco; con tocchetti di melanzana grigliata, pinoli e crema dolce di peperoncino piccante; con paté di olive nere e pomodorini; con scamorza affumicata e pomodorini.

Curiosità: Alcune leggende popolari fanno risalire le origini della frisa al periodo dei Crociati in partenza dai porti pugliesi per raggiungere la Terra Santa all’inizio del primo millennio. Facile da conservare anche per lungo tempo, poco deperibile, era l'ideale per chi viaggiava in mare.


Tutte le mancinità di questa ricetta
Al momento non sono presenti declinazioni
Anna Carlucci
Anna Carlucci
foodblogger
Insegnante di scuola primaria in pensione, con tante passioni, tra cui la più importante la cucina. Da 7 anni sono coinvolta nelle attività di volontariato di "Casa ...vai alla scheda
Lorenza Dadduzio
Lorenza Dadduzio
foodographer
Piccola piccola. Diresti quasi smiltza. Ma con occhi grandi e mani curiose che scorrono e attraversano la superficie del mondo, desiderose di assaporare e trasformare ogni cosa in bellezza ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto