CIALEDDA CALDA MATERANA

LOVE
0
Cosa ci metto?

Ingredienti per 4 persone:
400 g di pane di Matera IGP raffermo
2 kg di cime di rapa
5-6 pomodorini
16 olive (varietà leccino o maiatica)
olio extravergine d’oliva
2 spicchi d’aglio
4 uova
peperoncino
sale




Come lo cucino?

La cialledda è uno dei piatti tipici invernali lucani. Il segreto per prepararla è quello di utilizzare il pane che abbia minimo 4 o 5 giorni dalla sua sfornata, rigorosamente cotto a legna.

Prendi il pane e spezzalo in grossi pezzi. Metti a cuocere, dopo averle accuratamente lavate, le cime di rapa in una grossa pentola di acqua e sale q.b.Dopo la cottura (come consiglia la nonna) non gettare via l’acqua delle rape, ma scolale con una schiumarola, poiché nella stessa acqua calerai il pane portandolo leggermente a bollore affinché si ammorbidisca.

A parte, in una padella fai dorare aglio e peperoncino in olio extravergine d’oliva e aggiungi i pomodorini lavati e tagliati in quattro parti, dopodiché, versa le rape e le olive e tienile in cottura aggiungendo un poco d’acqua. Sala a tuo piacere.

Al termine posiziona in piatti fondi il pane cotto scolato con la schiumarola, e adagiaci sopra il composto privato dell’aglio. Per non buttare via nulla…. nell’acqua di cottura delle rape e poi del pane, appoggia un mestolo di metallo e rompici dentro un uovo.

Dopo qualche minuto di bollore (leggero) l'uovo incomincerà a rapprendersi, diventando parzialmente solido ma con il tuorlo ancora liquido, tipo uovo in camicia.
Trasferisci delicatamente l'uovo sul piatto con il pane e le verdure e ripeti le operazioni precedenti per le altre porzioni in preparazione.
 

Curiosità: Le cime di rapa contengono molto calcio, fosforo, vitamina C, vitamina B2 e vitamina A oltre a una buona quantità di proteine e il loro consumo è consigliato alle donne in gravidanza poiché contengono molti folati e sono utili a prevenire l’anemia.
Inoltre il pane cotto in acqua o brodo si consigliava tradizionalmente ai bambini, ai convalescenti (soprattutto dopo trattamenti antibiotici) e agli anziani poiché ha migliorata digeribilità.
 


Tutte le mancinità di questa ricetta
Al momento non sono presenti declinazioni
Mariaelena Di Biase
Mariaelena Di Biase
redattore
Mariaelena, PhD in Microbiologia, Sanità  e Chimica degli Alimenti e con un percorso universitario da biologa nutrizionista. La mia passione per la cura delle persone passa per la ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto