Lasagna di zucca e miglio

LOVE
0
Cosa ci metto?

Ingredienti per il ragù:
- 200 g di miglio
- 200 g di tempeh
- 3 carote
- 1 gambo di sedano
- 1 cipolla
- 1 mazzetto di erbe aromatiche
- 1 cucchiaio di shoyu
- olio di oliva e sale

Ingredienti per la besciamella:
- 1/2 litro di bevanda di soia
- 3 cucchiai di maizena
- 2 cucchiai di olio di oliva
- 2 cucchiaini di sale
- 1 cucchiaino di noce moscata

Altri ingredienti:
- 1/2 zucca butternut
- lievito in scaglie

 

0g 2h 0m


Come lo cucino?

Lava e pulisci le carote, le cipolle e il sedano e tritali finemente. Mettili in una pentola coperta, aggiungi il sale, mezzo bicchiere di acqua e lascia stufare per 20 minuti. Aggiungi l'olio e qualche minuto dopo il tempeh tritato e il mazzetto di erbe aromatiche. Cuoci a fiamma bassa per altri 20 minuti. Infine insaporisci con lo shoyu.
Nel frattempo in una casserruola cuoci il miglio per assorbimento nella proporzione uno a due e una volta cotto lascialo raffreddare.
Taglia la zucca a rondelle con una mandolina.
Prepara la besciamella stemperando la maizena nella bevanda di soia, facendo attenzione a non formare grumi, aiutati con una frusta. Aggiungi l'olio, il sale e la noce moscata. Versa il composto ottenuto in una pentola e porta a ebollizione. Lascia cuocere a fuoco basso continuando a mescolare per qualche minuto. Quando la besciamella avrà raggiunto la consistenza desiderata, spegni il fuoco.
Quando il ragù sarà pronto, spegni il fuoco e aggiungi il miglio e mescola in modo da miscelare gli ingredienti.
Accendi il forno a 180° C.
Olia la superficie della tua teglia e inizia a comporre la lasagna, posizionando le fette di zucca sul fondo, aggiungi il ragù con il miglio e la besciamella e ripeti fino a esaurimento degli ingredienti. Spolvera con il lievito in scaglie e inforna per 30 minuti.


Tutte le mancinità di questa ricetta
Al momento non sono presenti declinazioni
Jessica e Lorenzo Locatelli
Jessica e Lorenzo Locatelli
foodblogger
Siamo Jessica e Lorenzo e abbiamo deciso di raccontarvi qualcosa di noi e soprattutto di aprirvi le porte della nostra cucina. Partiamo dal presupposto che cucinare per noi è un atto ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto