Minestra contadina di patate, cavolo nero e curcuma

LOVE
2
Cosa ci metto?

- 1 kg di patate
- 300 g di cavolo nero
- 1 cipollotto, solo parte verde
- 1 cm di radice di curcuma
- 600 ml di brodo vegetale
- olio extravergine di oliva q.b.
- sale e pepe q.b.
- timo, salvia e rosmarino, 1 rametto ciascuno
- semi di zucca (facoltativi) - q.b.


0g 1h 0m


Come lo cucino?

Sfoglia il cavolo e lava sotto l’acqua corrente le foglie. elimina la costa centrale più dura e taglia tutto a listarelle. Pela e grattugia la radice di curcuma. Pulisci e affetta sottilmente le parti verdi dei cipollotti. Pela le patate e tagliale a cubetti di un centimetro. Prepara un mazzetto aromatico con le erbe, avvolgendolo con spago da cucina.
Versa in un tegame capiente, meglio se di coccio, un fondo di olio e fai stufare a fuoco dolce il cipollotto, in modo che diventi morbido (se necessario aiutati con un po’ di acqua). aggiungi la curcuma grattugiata e il mazzetto aromatico e lascia che si sprigionino i profumi.
Elimina il mazzetto di erbe e inserisci i cubetti di patate. Fai insaporire per qualche istante e poi copri a filo gli ingredienti con il brodo vegetale caldo. aspetta che la minestra prenda il bollore e unisci infine le foglie di cavolo nero ridotte a listarelle.
Fai cuocere per un'ora circa, mescolando di tanto in tanto. Sala solo a fine cottura. Per rendere tutto più cremoso, puoi frullare una parte della minestra con un frullatore a immersione e unirla poi al resto degli ingredienti lasciati interi.
Servi la minestra calda con un filo di olio extravergine di oliva a crudo e cospargi a piacere con semi di zucca e rondelle di peperoncino fresco.

Trovi questa ricetta, insieme a molte altre, nell'ultimo libro di Cucina Mancina "LOW FODMAP"  Edizioni Gribaudo - la Feltrinelli. 
Clicca qui per acquistarlo! 


Tutte le mancinità di questa ricetta
Al momento non sono presenti declinazioni
Eleonora Corvasce
Eleonora Corvasce
foodblogger
Blogger, maestra di cucina, food photographer. Gestisco il blog de Il Cantuccio di Romeo, dove riverso il mio infinito amore per il cibo e tutte le sue declinazioni artistiche. Sono di Barletta e, ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto