Torta salata ripiena di scarola, olive, mandorle e uvetta

LOVE
1
Cosa ci metto?

Per una teglia rettangolare 32×21,5 cm:

Per l’impasto:
- 300 g di farina integrale macinata a pietra
- 1 bicchiere scarso di acqua ( circa 200 ml)
- 5 cucchiai di olio di oliva
- 1 cucchiaino di sale marino
- 1 bustina di lievito per torte salate

Per il ripieno:
- 1 scarola grande
- 20-25 olive nere
- 20 mandorle
- una manciata di uvetta
- 4-5 cucchiai di olio di oliva
- uno spicchio di aglio
- sale

Olio di oliva

 

50m


Come lo cucino?

In una ciotola versa la farina e miscelala con olio, sale e lievito. Aggiungi l’acqua a filo e impasta finché otterrai un impasto liscio ed omogeneo. Copri con un canovaccio pulito e intanto prepara il ripieno.
Preriscalda il forno a 200° C in modalità statico.
Lava accuratamente la scarola e privala del gambo. Sbollentala in acqua salata per 5 minuti. Denocciola le olive e tritale grossolanamente, fai lo stesso con le mandorle. Scola la scarola e strizzala. In una padella scalda l’olio con l’aglio, aggiungi la scarola leggermente tagliuzzata e salta per qualche minuto. Aggiungi mandorle, olive e uvetta e lascia cuocere per altri 10 minuti. Regola di sale se necessario. Trasferisci in un piatto e lascia intiepidire.
Dividi in due parti l’impasto, una leggermente più grande dell’altra. Stendi quella più grande di uno spessore di 3-4 mm. Olea leggermente la teglia, rivesti fondo e bordi con la sfoglia. Stendi l’altra dello stesso spessore. Distribuisci il ripieno uniformemente sul fondo e copri con la seconda sfoglia. Sigilla i bordi, bucherella la superficie e oleala leggermente. Inforna e fai cuocere per 30 minuti finché diventerà ambrata. Sforna e dopo qualche minuto sforma e lascia intiepidire su una griglia.
Buon appetito e buone feste!

 

Tutte le mancinità di questa ricetta
Al momento non sono presenti declinazioni
Alessia Aloe
Alessia Aloe
foodblogger
Calabrese, laureata in giurisprudenza, amante di Napoli e dei film di Troisi ed affascinata dai voli degli stormi,dal Cupolone di sera e dal David in tutta la loro silenziosa maestosità,e ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto