Spirali di asparagi

LOVE
0
Cosa ci metto?

- 1 mazzetto di asparagi
- 100 g di farina integrale
- 30 ml di acqua
- 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
- 1 pizzico di sale 


0g 0h 40m


Come lo cucino?

Energia che genera, circola, avvolge, racchiude, espande, evolve,
dall’infinitamente grande all’infinitamente piccolo,
in un moto perpetuo di incontro tra l’Uno e il Tutto.

Proviamo a immaginare la spirale come il cammino della nostra vita, a volte va in un senso, a volte nell’altro: a volte le nostre energie ed emozioni vanno verso l’interno e siamo più concentrati su noi stessi e sulle nostre faccende materiali ; a volte si espandono all’esterno e siamo più equilibrati e consapevoli del percorso della nostra anima, ma comunque tutto procede in un movimento evolutivo sacro ed eterno.
Così a volte possiamo sentirci persi in una spirale di problemi in cui non vediamo via d’uscita e altre volte possiamo trovare in quella spirale la forza e l’energia che ci indica la strada e l’equilibrio.
Dipende tutto dal nostro approccio e la flessibilità è fondamentale, va bene perdersi ma è fondamentale ritrovarsi.

Vi presentiamo le nostre spirali di asparagi!

Cuocete gli asparagi al vapore per qualche minuto (devono restare croccanti).
Nel frattempo miscelate la farina, l'acqua, l'olio e il sale e impastate fino a ottenere un panetto omogeneo, non appiccicoso (potete anche aggiungere semi, spezie o erbe aromatiche). Lasciate riposare una ventina di minuti (facoltativo, ma è meglio).
Stendete l'impasto con il mattarello e tagliate delle striscioline che utilizzerete per avvolgere gli asparagi.
Posizionate gli asparagi sopra una teglia, spennellateli con un filo d'olio e salate.
Cuocete in forno già caldo per pochi minuti a 180°C.

 

Tutte le mancinità di questa ricetta
Al momento non sono presenti declinazioni
Jessica e Lorenzo Locatelli
Jessica e Lorenzo Locatelli
foodblogger
Siamo Jessica e Lorenzo e abbiamo deciso di raccontarvi qualcosa di noi e soprattutto di aprirvi le porte della nostra cucina. Partiamo dal presupposto che cucinare per noi è un atto ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto