Risotto all'ortica e violette

LOVE
1
Cosa ci metto?

- 90 g di riso semi-integrale
- 60 g circa di ortica pulita (solo le foglie)
- brodo vegetale
- vino bianco o cognac per sfumare
- paprika
- erba cipollina, prezzemolo o altre erbe aromatiche a scelta
- sale marino integrale
- olio extravergine di oliva
- fiori eduli per guarnire


0g 1h 0m


Come lo cucino?

Munisciti di guanti per cogliere e pulire le ortiche.
Sfogliale eliminando lo stelo, poi lavale in abbondante acqua fredda e lasciale scolare in uno scolapasta o in un setaccio.
Scalda un filo di olio in pentola, unisci le ortiche, copri con il coperchio e, non appena saranno leggermente appassite, aggiungi poca acqua e porta a cottura. Dopo 10 minuti circa saranno pronte: trasferiscile in un bicchiere a bordi alti e riduci in purea con il mixer ad immersione.

Nel frattempo, prepara il brodo vegetale e dedicati alla preparazione della base del risotto: in un altro tegame scalda appena un filo d’olio con un pizzico di paprika. Quando sarà caldo, aggiungi il riso e lascia tostare un minuto a fiamma media mescolando spesso affinchè non si attacchi sul fondo. Sfuma con il vino bianco (o con il cognac) e quando l’alcol sarà del tutto evaporato copri con qualche mestolo di brodo caldo. A metà cottura (dopo circa 15 minuti) aggiungi la crema alle ortiche e amalgama con cura. Regola di sale e completa la cottura del risotto, aggiungendo poco brodo caldo per volta quando necessario.

Manteca lontano dal fuoco con un filo di olio e arricchisci il piatto con una spolverata di erbe aromatiche tritate (io ho utilizzato prezzemolo e erba cipollina). Lascia riposare pochi minuti prima di servire e guarnisci il piatto con le violette (accuratamente lavate): daranno al vostro risotto un tocco di eleganza e delicatezza!


Tutte le mancinità di questa ricetta
Al momento non sono presenti declinazioni
Serena Brozzi
Serena Brozzi
foodblogger
La cucina della nonna, con tutto il suo carico di tradizione. I principi della cultura macrobiotica. La creatività delle ricette vegane. Amalgamare bene il tutto, ed aggiungere un pizzico ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto