Marzo, latte e fragole
"Ho un vegano sul divano": le stagioni hanno sempre un sapore
LOVE
0
Marzo, latte e fragole
Marzo, latte e fragole
Pubblicato da Giulia Siena il 10/03/2016

Quando arriva marzo si tira un sospiro di sollievo.

Siamo scampati al freddo; sopravvisuti alle neve – quando c'è – alla nebbia, al tepore di piumini e piumoni, alla tranquillità assordante delle sere d'inverno.
Dopo aver aspettato tanto, ti ritrovi, così, a sfogliare l'agenda e pensare di essere “già” a marzo e stupirti, ogni volta, delle giornate che si allungano, dei fiori che spuntano, del sole che diventa mano mano più tiepido e delle fragole che nascono.

Vi sembrerà strano, quasi assurdo, ma per me marzo ha il sapore proprio delle fragole, fragole acerbe e delicate.

- “Mi hai trascinato in un supermercato bio, fammi capire?”
- "Sei entrata cosciente, non ti ho mica bendata e imbavagliata!”
- “Sì, sì, cosciente, sì, ma io volevo fare una passeggiata, sorseggiare una cioccolata calda in un bar al tramonto, mica essere scarrozzata per supermercati come una qualsiasi massaia di provincia!”
- “Ecco che ci risiamo... fai polemica. Mi serve il latte, mica mi vorrai ammazzare con il tuo cappuccino domani mattina?”
- “Ammazzarti no, ancora no, ma sto meditando di farlo” sogghigno divertita mentre la mia curiosità è attratta da quegli scaffali che urlano: “compraci, compraci, compraci, siamo buoni e salutari”.

- “Interessante, però, questo market.... sembra davvero roba deliziosa, non sembrano prodotti dal sapore castrante, come quelle altre cose che mi propini ogni volta”.
- “Non c'è niente di “castrante” nella mia alimentazione, solo maggior attenzione a quello che mangio”.
Mi spiega paziente il mio vegano sul divano mentre, in questo sabato in città, siamo alle prese con una non pianificata e collaudata spesa tra due modi differenti di mangiare.

- “Ecco, però, io assaggerei tutto, ma ora ho proprio voglia di cioccolata calda, dai, andiamo, potrebbe essere l'ultima cioccolata calda della stagione... capisci?”
- “Capisco il dramma – dice ironico mandandomi un'occhiataccia – invece di rimanere intrappolata nelle tue abitudini, perché non provi qualcosa di diverso e più adatto anche alla nuova stagione? Magari una centrifuga?”

- “No, eh... non si può mica sostituire la voglia di cioccolato con un biberone con retrogusto di verdure, dai, - esclamo lamentandomi mentre dalla corsia delle zuppe e minestre naturali ci spostiamo verso i surgelati - devi essere più tollerante, mio caro vegano, con una onnivera disperata e golosa come me!”
- “Allora prendi un budino, ce ne sono di tanti gusti e sono tutti senza lattosio, freschi e gustosi...”
- “Luca, parli come una televendita... lo sai, sì? E comunque no... Però, però penso che mi hai dato un'idea. Prendi il latte e andiamo a casa. Io prendo le fragole, senza fragole non è primavera!

Il tavolo della cucina, ora, è macchiato dal colore caldo delle fragole. Mentre Paola Turci canta “Volo così”, io mi adopero a trovare un equilibrio alla mia perenne voglia di cioccolato. La leggerezza del latte al riso e cocco si armonizza al sapore del cacao, il gusto fresco e acerbo delle fragole mi fa sorridere ed è da qui che nasce il mio Budino latte e fragole.

Photo credits: Josealbaphotos


Giulia Siena
Giulia Siena
redattore
Pugliese di San Giovanni Rotondo - dove ogni tanto fuggo per attingere energia dalla terra e dai colori - mi trasferisco a Roma e dopo dieci anni, una laurea in lettere, un lavoro nel settore degli ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto