Vegan in vacanza o quasi
"Un vegano sul divano": interrogativi in una citta' rovente
LOVE
0
Vegan in vacanza o quasi
Vegan in vacanza o quasi
Pubblicato da Giulia Siena il 23/07/2015

La città è una fornace. Luglio, per chi lavora ed è costretto a stare lontano dal mare, è una vera e propria Odissea; se a questo aggiungi che sei nel bel mezzo della Pianura Padana, l'estate è davvero un dramma.

“Lo so, sono ancora le dieci del mattino, ma io ti faccio la solita domanda: cosa mangiamo a pranzo?”.
Con questo caldo il pranzo è l'ultimo dei miei problemi – mi risponde Luca intento a sfogliare il libretto della Madama Butterfly di Puccini – ora vorrei trovarmi, come lo scorso anno, sulle spiagge della tua Puglia”.

“Ah, non tocchiamo questo tasto dolente – rispondo già esausta da questa mattinata di caldo e umidità – essere costretti a passare buona parte dell'estate qui, lontano dalla bellezza del mare e dal fresco dei monti, è deprimente. Per fortuna tu, mio amico Vegano sul divano, sei corso in mio soccorso, nonostante i chilometri che ci dividono. Ti ricordi, invece, il “cazzeggio” tra i Trulli, le visite a Castel del Monte e le serate di poesia sul mio Gargano?”
“Già, una terra che mi ha conquistato – mi risponde Luca, distogliendo lo sguardo dal libro – se non fosse per la curiosità morbosa o la perplessità dimostrata da tutte le persone incontrate in quel viaggio circa il mio essere vegan, sarebbe stato tutto perfetto!”

“La curiosità ci sta – dico decisa – ormai sarai abituato. Ti scoccia la curiosità della gente riguardo alla tua scelta alimentare?
“Scoccia no... direi più che mi sorprende, ogni volta, in ogni viaggio: cosa c'è di così strano nel decidere di seguire uno stile di vita e uno stile alimentare che elimina dalla propria dieta quotidiana tutti gli alimenti di origine animale? Per me niente – mi risponde metodico Luca – è una scelta normale, così come tante altre”.
“E come glielo spieghi questo alla gente?”
“Così – mi fa osservare – con parole semplici e soprattutto, molto più semplice, se voglio che qualcuno capisca davvero cos'è la mia scelta e cosa comporta, lo invito a cena e gli dimostro che non c'è nulla di strano in una tavola imbandita con prodotti vegghy style”.

“Allora dai, dai, dai. Invitami a cena, così per ribadire il concetto – dico ridendo – stasera, anche se sei mio ospite, cucini tu; io, però, preparo il pranzo. Ci stai? Ci stai? Ci stai?”.
“Sì, ci sto” - risponde quasi disperato. Ma ormai sarà abituato anche lui ad aver un'amica come me.

Per pranzo vorrei qualcosa di fresco e alcolico”... dico tra me e me.
“Alcolico? Sei pazza?”
“Va bene – rispondo quasi rassegnata a non essere capita - Facciamo che il mojito di cui avrei voglia diventi un primo piatto: Riso Thaibonnet con limone, menta, basilico e pepe al lime!”
“Sono già curioso di assaggiare”.

Così, già decisi su quello che sarà il nostro pranzo, io e Luca pensiamo di uscire – nonostante il caldo – alla ricerca di idee e oggetti vintage, mentre “Un bel dì vedremo” tratto dalla Madama Butterfly e interpretato da Maria Callas risuona per i borghi della città.

E la città ritrova il suo fascino.

Photo credits: .craig


Giulia Siena
Giulia Siena
redattore
Pugliese di San Giovanni Rotondo - dove ogni tanto fuggo per attingere energia dalla terra e dai colori - mi trasferisco a Roma e dopo dieci anni, una laurea in lettere, un lavoro nel settore degli ...vai alla scheda

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Leggi l'informativa per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso. Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto